Tommaso Barbieri, chi è il terzino sinistro della Juventus Next Gen

Cosa filtra dopo l'allenamento della Juventus

allegri Juventus
22 Settembre 2022

Redazione - Autore

Pulito, sbarbato. La faccia tipica del bravissimo ragazzo. Se l’abito fa il monaco, si può dire che Tommaso Barbieri sia sulla buona strada. Ma non è solo questione di outfit. Il terzino destro nato a Magenta (Lombardia) nasconde altre doti. La vita non gli ha regalato niente, mai. Tutto a piccolissimi passi. I primissimi episodi, di una serie tv appena iniziata. E che vuole, e tanto, far parlare di se. E l’ultima gioia del cuore del ragazzo si declina nella colonna sonora più bella di tutte: quella della Champions League. Proprio così: il ragazzino 20enne che a 17 guidava la moto per la “gioia” di sua madre, è stato convocato da Massimiliano Allegri per la sfida europea contro il Benfica. Un ricordo da conservare per sempre, nonostante la sconfitta. Un episodio che si è ripetuto anche a Monza, con i bianconeri sconfitti ancora una volta e nessun minuto per Barbieri. Dopo la sosta e l’allenamento congiunto tra Next Gen e prima squadra, Allegri potrebbe scegliere di dargli una chance, viste anche le assenze in casa bianconera.

A tutto Barbieri: il Novara, il primo gol tra i Pro e la chiamata della Juventus 

Studia per diventare geometra, ma da sempre la sua passione è il calcio. Cresce nel settore giovanile del Novara: prima l’Under 17, poi il salto tra i professionisti. A soli 17 anni firma il suo primo gol in carriera tra i “grandi”. Era l’annata 2019-2020, la partita quella tra Novara e AlbinoLeffe. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Barbieri stacca di testa e insacca alle spalle del portiere avversario. Una gioia incontenibile. Un giorno diverso, un giorno speciale. La dedica alla famiglia, sempre nel suo cuore. La stessa che lo segue ovunque egli vada. E ai suoi amici, sempre al suo fianco. Quasi tutti di Novara, la sua seconda “casa”. In quella stagione, per lui, anche 18 presenze in tutte le competizioni (tra campionato, Coppa Italia e playoff).

Credits Martina Cutrona

Il club biancoazzurro avrebbe altri piani per lui, ma se arriva la Juventus non puoi dire di no. Nella stagione 2020 i dirigenti bianconeri decidono di puntare su di lui sbarazzando la concorrenza di diversi club europei che seguivano da vicino il talento classe 2002. Alla prima stagione 15 presenze. Un anno dopo, il terzino è un leader indiscusso: 31 presenze e 5 assist alla corte di Zauli. Quest’anno con Brambilla la musica non cambia. Subito titolare nelle prime due giornate della stagione appena cominciata. Sudore e sacrifici, che lo hanno portato ad un attimo. Una chiamata, veloce come la luce. Quella di Allegri, che lo porta con sè per una partita decisiva di Champions League. No, non è un sogno, ma la realtà.

barbieri

Credits Martina Cutrona

L’idolo Cancelo e il Basket: una storia ancora tutta da scrivere

Terzino moderno, di spinta, che non trascura però la fase difensiva. Barbieri ha tutto per diventare un giocatore di assoluto livello. E il paragone con Cancelo, suo idolo di sempre, non è poi così tanto folle. Certo, tempo al tempo. Ma le movenze ricordano moltissimo quelle del fenomeno portoghese che adesso gioca al Manchester City e che proprio nella Juventus era arrivato nel 2018. Piedi, ma non solo: Tommaso non se la cava male nemmeno con le mani. In sottofondo, la passione del Basket che pratica con gli amici. Playstation poca, anzi pochissima. Lui è uno che vive di campo, quello vero. E che vuole continuare a scrivere la sua personale, affascinante, storia.

A cura di Manuele Nasca