L’esordio in Champions con la Juve e il gol vittoria con la Next Gen: che settimana per Enzo Barrenechea

Alla scoperta del centrocampista

juve-barrenechea-screen
6 Novembre 2022

Redazione - Autore

Resilienza. Quando vieni dall’Argentina è impossibile non averla. Soprattutto se vieni da Villa Maria, come Enzo Barrenechea. Una città della provincia di Cordoba dove calcio e agricoltura vanno di pari passo. Ma il piccolo Enzo preferisce il pallone alla terra. Un talento quello per il calcio che il centrocampista classe 2001 ha coltivato.

Anche raccogliendo bei frutti vista la convocazione di Barrenechea in Champions League per la partita tra Juve e PSG. Partita in cui è arrivato anche il suo esordio in Champions con i bianconeri. Qualche giorno dopo Barrenechea è tornato con la Juventus Next Gen per giocare contro il Novara. Al 56′ ha trovato anche la rete del 2-1 decisiva per la vittoria, il suo secondo gol in stagione.

Dal Newell’s Old Boys alla Svizzera: il viaggio di Barrenechea

Enzo cresce calcisticamente al Newell’s Old Boys, la stessa squadra dove ha mossi i primi passi nel calcio Lionel Messi. Con la pressione ci va a braccetto e ora in Champions potrà vederlo da vicino. Si distingue nelle giovanili dei rossoneri e nel 2019 arriva la chiamata dell’Europa. La squadra interessata è il Sion, in Svizzera, e sborsa poco più di 3 milioni di euro. È il terzo acquisto più oneroso nella storia del club, dopo Andersson, ex Juventus, e Dimarco, con l’Inter che poi se l’è ripreso. L’argentino però non trova spazio in prima squadra e viene aggregato all’Under 21.

Credit: Youtube Juventus

In Svizzera resta appena 6 mesi: una manciata di partite poi c’è la Juventus dal gennaio del 2020. Matias Soulè lo sapeva prima di tutti che sarebbe arrivato ai bianconeri insieme a lui. In un’intervista ha raccontato che aveva scoperto che sarebbe arrivato un argentino e lo contatta subito. Finalmente un altro argentino per Mati. Da lì non si sono mai separati. Prima insieme nella Primavera della Juventus, con l’esordio in Youth League contro il Real Madrid di Raùl. Nella stagione 2020/2021 diventa una colonna della formazione principe delle giovanili della Juventus

Barrenechea: l’infortunio e la rinascita alla Juve

Tutto stava andando per il meglio per Enzo. Finalmente aveva trovato la sua dimensione. Poi però arriva il crack: lesione del legamento crociato. Per l’argentino è una doccia fredda. Non riesce a finire il campionato Primavera e torna in campo solamente 9 mesi dopo. Un’eternità. Nonostante ciò, l’infortunio non gli ha impedito di stare vicino all’amico Soulè che nel frattempo era stato convocato con la nazionale maggiore argentina grazie all’ottima stagione con la Juventus Under 23.

Ed Enzo per il ritorno in campo sceglie proprio la formazione di Serie C. Zauli, che lo aveva avuto già nella Primavera, dà fiducia al ragazzo appena rientrato. Torna in campo nella partita contro il Seregno: 33 minuti di gioia nonostante il pareggio. Da lì, una volta recuperato del tutto diventa fondamentale anche per l’Under 23. Il gol contro il Virtus Verona e la cavalcata fino ai playoff, i primi nella storia del club. I bianconeri si arrendono solo contro i Padova, poi finalista. Enzo segna pure il gol vittoria nella partita di ritorno ma non basta dopo la sconfitta dell’andata. Ora Barrenechea è ripartito con la Next Gen e sta già facendo grandi cose attirando l’attenzione di Allegri che l’ha convocato anche in Serie A per la partita contro il Monza. Dopo l’infortunio, ora la Champions e il gol con la Next Gen. Enzo è finalmente rinato. Resilienza.