Gli insegnamenti di papà Daniele, l’idolo Chiellini e Ronaldo: Delli Carri a Como per continuare a crescere

Il figlio d'arte ha firmato proprio nei giorni scorsi con il Como in Serie B

delli-carri-juventus-u23-image-min
7 Luglio 2022

Redazione - Autore

Quando cresci con un padre calciatore è difficile pensare che la tua strada possa essere diversa. Filippo Delli Carri sta seguendo le orme di papà Daniele. Partito da Pescara, ci ha messo poco ad attirare su di sé le attenzioni della Juventus, salvo poi farsi le ossa in C tra Rieti e U23 proprio con i bianconeri, raccogliendo in totale 54 presenze in Lega Pro.

Numeri e prestazioni che gli hanno permesso il salto dalla C alla A con la Salernitana. Un doppio gradino verso l’alto a conferma di quanto la Lega Pro sia un motore importante per i giovani. La Juventus gli ha permesso di crescere anche sotto l’ala dell’idolo Chiellini e affrontando in allenamento Dybala e Ronaldo. I trucchi del mestiere per affrontare la Serie A con determinazione. La salvezza con i campani e ora la nuova avventura in B a Como.

Seguendo le orme di papà Daniele, ‘rubando’ dall’idolo Chiellini

Filippo Delli Carri ha deciso di seguire le orme del padre. Non solo come calciatore ma anche nel ruolo. Il classe ’99 si è messo in mostra come difensore centrale, ma all’occorrenza può fare anche il terzino. Un segnale importante della duttilità del ragazzo, utile in ogni situazione. Sin da piccolo ha potuto seguire gli insegnamenti di papà Daniele

chiellini-juventus-image

Crescendo, invece, ha ‘rubato’ gli insegnamenti di Chiellini. L’ex capitano bianconero, volato in MLS, è da sempre uno degli idoli di Filippo. Determinazione, forza fisica e tanta grinta le caratteristiche che lo legano al Campione d’Europa. La strada è tracciata, le orme sono ben visibili e Delli Carri sta lavorando sodo per crescere e continuare a volare.

Gli allenamenti con Dybala e Ronaldo, la vittoria della Coppa Italia: le emozioni alla Juventus

La Juventus è stata senza dubbio l’esperienza più emozionante per Filippo Delli Carri. Il difensore ha avuto la possibilità di crescere prima in Primavera e poi con l’U23. Nel mezzo, tanti gli allenamenti con i ‘grandi’. Dalla foto con Cristiano Ronaldo prima della sessione al doverlo affrontare sul campo. 

Dover marcare l’asso portoghese e il talento argentino di Dybala ti fa senz’altro crescere. Un’esperienza importante che gli ha permesso poi con i bianconeri di arrivare alla vittoria della Coppa Italia assieme a Fagioli e compagni. La Lega Pro, la Juventus e la voglia di emergere. Una corsa costante verso un futuro ai massimi livelli perché ad attenderlo poi è stata la Salernitana. 

L’esordio in A e le sfide con i top player 

A Salerno per Delli Carri arriva l’esordio in Serie A. Un sogno seguito e cullato sin da bambino proprio andando a osservare le partite di papà Daniele. Dicembre e gennaio i due mesi in cui Filippo ha potuto assaggiare i grandi palcoscenici e affrontare i top player della massima serie. 

Dalla sfida con Nico Gonzalez fino al ‘Maradona’ contro Lozano, nel mezzo la velocità di Perisic, il fiuto di Immobile e il trittico terribile del Verona. Situazioni difficili ma dove devi crescere velocemente per non restare indietro. Alla fine è arrivata una salvezza miracolosa e la sua avventura con la Salernitana si è conclusa. Un altro tassello per la sua crescita e ora la possibilità Como per giocarsi le sue carte in Serie B. 

A cura di Simone Brianti