Juventus Next Gen, Yildiz il talismano dei bianconeri?

Il curioso dato sul fantasista turco

yildiz
24 Novembre 2023

Alessio Navarini - Autore

Un predestinato. Si è sempre parlato in questi termini di Kenan Yildiz, gioiellino classe 2005 della Juventus. Già, perchè l’attaccante turco è stato ormai inserito da tempo in pianta stabile nella rosa della prima squadra guidata da Massimiliano Allegri. Non più solo Next Gen quindi per lui, non solo più Serie C. La conferma che forse è definitivamente sbocciato un talento si è avuta in questa pausa delle nazionali. All’esordio con la Turchia dei grandi ha subito lasciato il timbro. E il suo non è stato un gol affatto banale. Controllo d’esterno e palla sotto l’incrocio dei pali, la linguaccia come esultanza, contro la Germania. Impossibile non pensare subito ad Alex Del Piero, suo grande idolo da sempre, suo riferimento in bianconero. Proprio quel bianconero che ha scelto anche a fronte di altre offerte, che ha imparato a vestire con la Next Gen e che sta assaporando in tutta la sua essenza in prima squadra. Un giocatore di qualità imprescindibile Yildiz. Lo sa bene Massimo Brambilla: appena tre successi per i bianconeri in Serie C, tutti conquistati con Kenan in campo.

La Juventus Next Gen vince solo con Yildiz in campo: il curioso dato

Penultimo posto in classifica a quota 11 punti. Complici 7 sconfitte, 2 pareggi e appena 3 successi. Il dato particolare? Tutte e tre le vittorie ottenute con Yildiz in campo. L’ultima in ordine cronologico contro l‘Olbia per 3-1 il 29 ottobre, all’undicesima giornata. I precedenti nel recupero della seconda giornata vinto per 2-0 contro la Recanatese e alla quinta giornata contro l’Ancona in trasferta. 1-2 per i bianconeri, con rete peraltro ad aprire le marcature proprio di Yildiz. Da qui alla fine della stagione Brambilla spera di avere a disposizione in alcune gare il gioiellino turco, per cercare di invertire la tendenza. Complice forse una rosa piena di qualità ma giovanissima, sembra proprio l’esperienza l’elemento che maggiormente sta mancando tra i giovani bianconeri. Esperienza che proprio Kenan sta maturando con gli spezzoni in prima squadra e le convocazioni in nazionale maggiore. Un periodo no per la Juventus Next Gen, chiamata a risollevarsi già dalla sfida di questo weekend contro l’Arezzo. Poi due gare da recuperare, con ben otto partite da sostenere tra fine novembre e dicembre. Per provare a fare punti in un girone B tostissimo ed evitare lo spauracchio della retrocessione in Serie D. Anche senza il suo fantasista.