Dalla Serie C al gol in Coppa d’Africa: la storia di Rafia

La carriera del giovane Rafia

Rafia
23 Gennaio 2024

Alessia Albani - Autore

Dalla Serie C alla Serie A con il Lecce fino al primo gol in Nazionale. Tutto ciò è successo in pochi mesi nella carriera di Hamza Rafia. Il centrocampista classe ’99 ha trovato il suo primo gol con la maglia della Tunisia nella sfida contro il Mali. Pochi mesi fa era nella terza serie del campionato italiano e giocava con la maglia del Pescara dove ha disputato una splendida stagione con 18 presenze, tra campionato e playoff coronate da 10 assist. Le ottime prestazioni del tunisino gli sono valse la chiamata in Serie A da parte del Lecce dove è stato protagonista anche in questa prima parte di stagione prima di approdare in Coppa d’Africa. Andiamo a vedere tutte le tappe della carriera di Hamza Rafia.

Rafia: dal Lyon alla Juve Next Gen

Tanta gavetta per il giovane Rafia. Inizia nelle giovanili del SC Bron Terraillon (2005-2009), per poi passare all’ AS Bron Grand Lyon (2010), e da ultimo all’Olympique Lyon (2010-2017). Nel 2017-2018 passa alla prima squadra dove disputa 21 partite. Nel luglio 2019 approda in Italia, in Serie C, alla Juventus Next Gen, in una vetrina che può metterlo in evidenza nel calcio italiano. E non ci mette molto a farlo. Al primo anno conquista la Coppa Italia segnando il gol decisivo contro la Ternana. Un anno dopo, le sue prestazioni risuonano a Vinovo. Infatti, in occasione della partita di Coppa Italia, tra Juventus e Genoa, in uno stadio vuoto a causa della pandemia, si giocano gli ottavi di finale. Ai tempi supplementari il risultato rimane sul 2-2. Pirlo si gira, incrocia lo sguardo con Hamza. Allo scadere del secondo tempo supplementare la palla arriva sui suoi piedi, la porta è lì. Tiro, gol. Cristiano Ronaldo e tutta la squadra corrono ad abbracciarlo. Arrivano i complimenti anche dal mondo calcistico tra cui Karim Benzema, suo idolo. Da quel momento Rafia si allena a Vinovo per due anni prima di vivere l’esperienza con lo Standard Liegi, in Belgio. Nella massima serie nazionale gioca ben 9 partite.

Dalla Serie B alla Seria A

Dopo questa esperienza estera torna in Italia, alla Cremonese in Serie B. Qui diventa decisivo e aiuta i suoi compagni di squadra fino a raggiungere la promozione in Serie A. Poi torna a casa, alla Juventus. Dopo 14 presenze e 2 reti con la Next Gen, Rafia abbandona i bianconeri e passa al Pescara. Anche con la maglia dei biancoazzurri il suo contributo continua a essere determinante nella fase più importante della stagione: i playoff. Al termine della stagione, però, Rafia è pronto per una nuova avventura, ad attenderlo c’è il Lecce dove si è trasferito a titolo definitivo, sottoscrivendo un contratto di tre anni con opzione per i successivi due. Per Rafia sarà la prima esperienza in Serie A, dopo quella in Serie B con la Cremonese e i tre anni in Lega Pro. Dalla Serie C alla Serie A in una sola estate. L’esordio arriva con il sorriso, vittoria contro la Lazio di Maurizio Sarri. Il 27 agosto, nella seconda giornata di campionato, arriva il primo gol in campionato. Al minuto 48′ il neo acquisto dei giallorossi ha accorciato le distanze contro la Fiorentina con un destro all’incrocio, imparabile per Christensen. Attualmente conta 18 presenze e un gol con il Lecce.

La convocazione e il gol con la Tunisia

A suon di ottime prestazioni, Rafia è stato convocato dall’allenatore della Tunisia per la Coppa d’Africa. Il centrocampista del Lecce, ha assistito dalla panchina la gara d’esordio nella competizione africana, poi nella seconda giornata è stato schierato titolare. Un esordio da sogno per il centrocampista che è riuscito anche a segnare il gol del pareggio nella sfida contro il Mali. La Tunisia, affronterà nell’ultimo turno il Sudafrica, in una gara che dovrà vincere per evitare l’eliminazione e chissà se Rafia non possa essere ancora decisivo.