Home » Dallo Stabia alla Juve. Il Ds Lovisa: “Mi ispiro a Giuntoli”

Dallo Stabia alla Juve. Il Ds Lovisa: “Mi ispiro a Giuntoli”

Da Castellammare di Stabia a Torino ci sono poco meno di 900 chilometri di strada. Un cammino lungo ma non impossibile. Specialmente se hai svolto un ruolo da protagonista nella stagione della Juve Stabia. A La Verità è stato chiesto a Matteo Lovisa, direttore sportivo dei gialloblù, di ripercorrere il percorso straordinario della sua squadra. Una regular season dominata, una promozione diretta già ottenuta aritmeticamente e un’ispirazione. Di seguito le sue parole.

Credit: Juve Stabia / De Lucia

Juve Stabia, il Ds Lovisa: “Giuntoli un modello, anche io sono partito dal basso”

Il direttore sportivo della Juve Stabia Matteo Lovisa si è espresso su diversi temi. In primis sul campionato che si concluderà con l’appuntamento contro il Picerno: “Sono soddisfatto di aver creato un gruppo vincente, come era già successo a Pordenone cinque anni fa. L’obiettivo iniziale era la salvezza, poi passo dopo passo abbiamo alzato l’asticella“. Il direttore ha poi parlato del proprio stile di vita e di quanto lo aiuti nella sua professione: “Io vivo di calcio 20 ore al giorno, non uso i social e per la scelta dei giocatori non mi baso solo su banche dati e sistemi tecnologici, anche se rappresentano un valore aggiunto.

Giuntoli Juventus Imago
Credit Imago

Infine, poi, un modello di ispirazione di un certo calibro: “A chi mi ispiro? Ce ne sono tanti che hanno fatto la gavetta, il primo nome che mi viene in mente è Giuntoli, partito dal basso come me e ora alla Juventus“.