Pergolettese, Morello is back: dal Napoli all’Ascoli, retroscena di un’estate

Dalla C alla A, passando per la B: tanti i sondaggi, ma la Pergolettese non l'ha venduto. E ora Morello torna a sognare

12 Ottobre 2021

Redazione - Autore

Mattia Morello, esterno d’attacco della Pergolettese, è tornato al gol: lo ha fatto un sinistro al volo, preciso, all’angolino, nella sfida contro il Legnago, persa poi 3-1. Con 11 gol e 8 assist in 34 presenze, il gioiellino classe 1999 è stato uno dei migliori giovani della scorsa stagione, assieme a Lorenzo Lucca, ora al Pisa in B, e Flavio Junior Bianchi, tornato al Genoa e ora stabilmente nel giro della prima squadra rossoblù.

Per Morello sondaggi dalla B

Dei tre, facile denotare che Morello (QUI la sua storia) sia l’unico rimasto in C. Anche se le offerte proprio non mancavano. E, per giunta, da tutti i campionati. Ma andiamo con ordine: i primi interessamenti arrivano dalla Serie B. Chiedono informazioni le varie Ascoli, Cittadella, Frosinone e Vicenza.

La proposta del Napoli

I discorsi vanno per le lunghe (solo l’Ascoli, delle quattro, presenterà più avanti un’offerta ufficiale) e, parallelamente, si mantiene in corsa un’altra pretendente, che già aveva sondato a gennaio: il Napoli. Sì, avete capito bene. E’ proprio il direttore sportivo degli azzurri, Cristiano Giuntoli, a chiamare e a muoversi per una possibile operazione, da condurre in sinergia con il Bari, che avrebbe volentieri accolto Morello in prestito per sei msi.

Il tentativo a sorpresa

Arriva l’offerta ufficiale del Napoli. Ma tutto si arena: le trattative si trascinano in avanti. Ed è proprio nelle ultime ore di mercato che ci prova un nuovo club, a sorpresa: l’Avellino. Un ammiccamento, nulla più. Una suggestione di fine estate, che, chiaramente, non dura più di una chiamata e qualche messaggio.

Morello resta alla Pergolettese… per ora

In sintesi: Morello resta a Crema, saldo alle sue radici, nel quartiere di Pergoletto, dove gioca da anni e dove resterà. Almeno fino a gennaio, quando potrebbe tornare uno dei protagonisti del mercato, complice anche il contratto in scadenza. E se non si farà in inverno, si farà a giugno prossimo. Per ora, però, resta concentrato sulla maglia gialloblù, che l’ha cresciuto. Il futuro? No, meglio pensare al presente.

Lascia un commento