Stage Rappresentative Lega Pro, Zola: “Udassi persona seria, abbiamo bisogno di gente che trasmette passione”

Le parole del vice presidente della Lega Pro

22 Novembre 2023

Alessio Navarini - Autore

Martedì 21 novembre, a Sassari, si è tenuto il secondo stage “isole” per la Rappresentativa di Serie C NOW. I giovani si sono radunati allo stadio “Vanni Sanna”, in un intero pomeriggio dedicato a loro e al calcio. Un evento organizzato dalla Lega Pro in collaborazione con la Torres, con la società del presidente Udassi che proprio della cura del vivaio ha fatto un punto focale del nuovo corso rossoblù. Presenti all’evento l’allenatore della Rappresentativa Daniele Arrigoni e il vice presidente vicario della Lega Pro Gianfranco Zola. Alle 16.30 è andata in scena la gara amichevole a ranghi contrapposti per le categorie Under 16 e Under 17. Alle 17.45 invece in campo la categoria Under 15.

Rappresentative Lega Pro, Zola: “Vogliamo mettere attenzione sui Settori Giovanili, importante il lavoro sul territorio”

Al termine dello stage si è tenuto al “Padiglione Tavolara”, a Sassari, un dibattito sull’ “Importanza del settore giovanile nel calcio moderno, in modo specifico in Lega Pro”. Il presidente della Torres Stefano Udassi è stato nominato in questa circostanza capo delegazione della Rappresentativa Nazionale della Lega Pro. Un’onorificenza che rende orgoglioso il numero 1 rossoblù, a testimonianza del grande lavoro svolto sul settore giovanile. Gianfranco Zola, ex rossoblù tra l’altro, ha consegnato una maglia simbolica al presidente torresino dichiarando: Abbiamo bisogno di persone serie, che fanno bene il loro mestiere e fanno al meglio la loro parte. Serve passione, servono persone che trasmettono passione”. Il vice presidente vicario della Lega Pro ha poi continuato: “Vogliamo spingere il più possibile sull’obiettivo. Mettere enfasi e attenzione su quel che le società fanno per i Settori Giovanili e per i giovani in generale. Puntiamo a dare importanza al lavoro fatto dalle squadre sul loro territorio, anche sulle isole. Vogliamo aiutare anche a livello logistico, quando di mezzo c’è il mare. Percorsi da vivere con intensità, pazienza e forza. Non è una linea dritta che viaggia verso l’alto. Sono saliscendi, una volta fai bene e altre volte no. Gli errori si fanno, ma sono anche opportunità per fare qualcosa di meglio e per diventare più bravo.”