Serie C, è ufficiale: escluse Teramo e Campobasso

La decisione definitiva del Tar: in giornata la FIGC procederà con i ripescaggi

Lega Pro
3 Agosto 2022

Redazione - Autore

Ora è ufficiale, il Tar del Lazio ha emesso il responso finale: Teramo e Campobasso sono definitivamente escluse dal prossimo campionato di Serie C. Il Tribunale Amministrativo della regione Lazio ha confermato i precedenti gradi di giudizio sportivo. Il Teramo potrebbe chiedere successivamente la riammissione in sovrannumero in Serie D. Domani, giovedì 4 agosto, il Consiglio direttivo di Lega Pro presenterà ufficialmente i tre gironi della prossima Serie C 2022/2023. Venerdì 5 agosto si conosceranno invece i calendari. La cerimonia del sorteggio si potrà seguire in diretta su Rai Sport dalle ore 12:00.

figc

Teramo: il percorso fino all’esclusione

Il Teramo e il Campobasso hanno avuto modo di difendere la propria posizione davanti al Tar del Lazio, ma al termine dell’udienza il giudizio già espresso dalla Covisoc è stato confermato. Le società avevano regolarmente presentato la domanda di iscrizione alla Lega Pro entro il 22 giugno, ma per avere la sicurezza serviva il benestare della Covisoc. L’organo competente monitorando la situazione economico-finanziaria della società, a fronte di alcuni adempimenti, ha bocciato la domanda. Il Teramo ha colto la possibilità di fare ricorso, aspettando la decisione del Consiglio Federale della Figc dell’8 luglio. 

Trovando una risposta negativa anche dalla Figc, le società hanno proseguito la la battaglia facendo ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport del CONI. Il 18 luglio un nuovo responso negativo: anche il Coni ha bocciato il ricorso. Il Teramo e il Campobasso si sono giocate quindi un’ultima carta, l’ultima possibilità: il Tar del Lazio. Il Tribunale ha dato al club l’opportunità di difendersi per più di un’ora e mezza nell’udienza di ieri, martedì 2 agosto. La risposta arrivata in mattinata, però, non lascia più dubbi: Teramo e Campobasso sono ufficialmente escluse dalla Lega Pro 2022/2023.