Tony Tiong, chi è il miliardario che fa sognare l’Ancona

Il nonno di Tony è stato eletto da Forbes come il 16esimo uomo più ricco della Malesia. Oggi, 30 marzo, la conferenza stampa alle 18

Tony Tiong Ancona
30 Marzo 2022

Redazione - Autore

La distanza tra Ancona e la Malesia è di 9.555 chilometri. Tra la città italiana e la nazione del Sudest asiatico sono racchiuse circa 20 lingue diverse, 7 fusi orari, innumerevoli costumi, usanze differenti e culture tutte da esplorare. Nonostante queste cifre ed il fatto che Ancona e la Malesia siano quasi su due facce opposte del nostro pianeta, qualcuno da quelle parti è riuscito ad apprezzare il club biancorosso. Importante sottolineare che ad accorgersi della storia dell’Ancona-Matelica non è stato un uomo qualunque, ma Tony Tiong. Oggi, 30 marzo, alle ore 18 presso l’auditorium della Mole Vanvitelliana, ci sarà una conferenza stampa che lo vedrà presente insieme all’attuale patron Mauro Canil e a tutto il management. Verranno esposti i progetti futuri, l’assetto societario e dirigenziale dell’Ancona. Il 31 sarà poi il giorno del closing: non ci saranno cambiamenti radicali in società, con Roberta Nocelli che resterà dg.

Chi è Tony Tiong?

La persona che ha deciso di sposare la causa della squadra è un imprenditore malese. Il nonno di Tony, Tiong Hiew King, fondatore del gruppo Rh, è stato eletto da Forbes come il 16esimo uomo più ricco della Malesia, con un patrimonio di 1,3 miliardi di dollari nelle tasche. Per dare un’idea, tra le moltissime attività che gestisce, i suoi quattro quotidiani costituiscono il 70% del business dei giornali cinesi della Malesia. Il nipote, invece, ha quarant’anni ed è laureato all’università di Melbourne. Tony è l’amministratore delegato dell’attività del nonno e si occupa di esplorazione, sviluppo e produzione di risorse minerarie non petrolifere e gas. Il suo nome, tuttavia, è riuscito a spaziare in molti settori differenti.

Nocelli, Ancona
La dg Roberta Nocelli

L’impero di Tony Tiong

Mister Tiong infatti possiede la Owlsome, una società comprendente un gruppo di aziende con attività di prodotti di consumo, cibo, bevande e benessere. Sempre la Owlsome produce birre e liquori che vengono esportati in varie zone del mondo. Non finisce qui, perché l’imprenditore malese, in passato, ha ricoperto la carica di direttore esecutivo della Petrogas Limited, una società quotata alla Borsa di Singapore che sviluppa e gestisce progetti di petrolio e gas. Infine, ha esperienza anche sul campo dell’immobiliare. Insomma, l’eccellente formazione di Tiong e la grande disponibilità economica lo hanno portato ad essere un uomo poliedrico ed astuto, pronto a fiutare ogni possibile fiore da far crescere al meglio in giardini differenti.

L’approdo ad Ancona

Astuto, perché nonostante i 9.555 chilometri di distanza, l’imprenditore è riuscito a notare la squadra italiana nel vasto giardino della Serie C. Questo è anche il risultato dell’ottimo lavoro societario che l’Ancona ha svolto sin qui. La classifica attuale dice sesto posto in classifica a quota 50 punti dopo 33 giornate, non male per chi solo l’anno scorso giocava in Eccellenza.

L’Ancona sotto la sua curva

“Sì, lo voglio”

Dopo che lo scorso 23 febbraio è stato firmato il contratto preliminare con tanto di foto postata sui social con la dg Roberta Nocelli e lo stesso Tony Tiong sul campo dello stadio Del Colnero, le parti si preparano al closing fissato per il 31 marzo. Poi sarà il momento di rilevare la maggioranza del club. Tony Tiong è arrivato dalla Malesia fino ad Ancona per far sognare i tifosi.

A cura di Jacopo Morelli