Crotone, Baldini: “Devo cercare di capire cosa succede ai ragazzi, altrimenti vado via”

Le dichiarazioni dopo la sconfitta contro il Latina

11 Marzo 2024

Alessia Albani - Autore

Proseguono le difficoltà per il Crotone di Silvio Baldini. Per la squadra rossoblù nel 31esimo turno è arrivata un’altra sconfitta, la terza da quando l’allenatore ex Palermo, è approdato sulla panchina. Allo Scida il Latina si è imposto per 1-3. Una sconfitta che ha messo in mostra tutti i difetti del Crotone e che ora rende meno certo anche il piazzamento play-off. Una situazione difficile, commentata dallo stesso Baldini nel post-gara.

Credit foto: Crotone FC

Crotone: “Io faccio l’allenatore e devo cercare di difenderli”

L’allenatore nel post partita si è presentato da solo in conferenza, un aspetto che viene subito fatto notare a Baldini che risponde: “Io faccio l’allenatore e devo cercare di difenderli. Senza prendere in giro nessuno. Ci sono delle fragilità nel gruppo che non mi sarei mai aspettato, da parte di ragazzi che giocano a calcio e capaci di perdersi in un bicchiere d’acqua contro avversari normali. E soprattutto quando inizia il secondo tempo che la squadra perde tutti i riferimenti e tutto quello che c’è di buono. Non riesco davvero a capire perché accade questo, ed in queste situazioni, se mi rendessi conto di non avere la stima e affetto della società non esiterei un istante a prendere la macchina e tornarmene a casa. Anche perché ho un’età ormai per la quale mi secca anche raccogliere questo tipo di figure. E siccome ho le spalle larghe oltre a sentire la fiducia e la volontà della società di aiutami, non mi va di alzare bandiera bianca, anche se in queste circostanze sarebbe la cosa più logica”. L’allenatore non si spiega i blackout dei suoi giocatori: “Si può perdere, ma non in questo modo sono giocatori deboli e in difficoltà. E io devo cercare di far capire che qui stiamo lavorando tutti per venire a capo di questa situazione. E non mi va neppure di andare giù con la scure, quando sanno anche loro che non è un figura che li rispecchia. Di sicuro non si può lasciare il giorno libero, come programmato, ad un gruppo di ragazzi che fanno una figura del genere”.

Baldini: “Anche io ho le mie colpe”

Nonostante la situazione difficile Baldini non si rassegna: “Le soluzioni sono due o piglio la macchina e vado via, oppure cercare di andare in fondo al problema e capire cosa attanaglia i ragazzi”. Per quanto riguarda le responsabilità sulla sconfitta Baldini afferma: “Anche io ho le mie colpe, la squadra vedo di costruirla in un certo modo ma faccio i miei errori. E li commetto perché sono valutazioni mie e non attraverso suggerimento. I moduli li ho fatti tutti in carriera, e può anche essere che quello proposto non sia il più adeguato. Ma la difficoltà maggiore che vedo è nella reattività di trovare le soluzioni in campo”.