Foggia-Lecco, lancio di oggetti nel finale: cosa è successo

Il racconto dell'accaduto e le decisioni del Giudice Sportivo

14 Giugno 2023

Redazione - Autore

Minuti di tensione tra Foggia e Lecco nel finale allo Zaccheria. Nell’extra-time, infatti, i sostenitori rossoneri hanno lanciato diversi oggetti verso l’area di rigore degli ospiti. Bottigliette e vari oggetti sono volati vicino alla porta di Melgrati. Il gioco è poi ripreso dopo pochi secondi.

La decisione del Giudice Sportivo

In merito all’accaduto si è espresso così oggi, mercoledì 14 giugno, il Giudice Sportivo, comminando al Foggia una multa di 3.000 euro per questo ed altri avvenimenti avvenuti prima e durante la gara con il Lecco. Sul lancio di oggetti, in particolare, si apprende che tra questi un’asta di bandiera è stata lanciata verso il portiere lecchese Melgrati. Inoltre, dalla Tribuna un accendino lanciato ha colpito la spalla di uno dei giocatori blucelesti. Nel dettaglio: “nell’avere lanciato, dal Settore Curva Nord, al 46° minuto del secondo tempo, numerose bottigliette d’acqua da ½ litro semipiene con e senza tappo, alcuni accendini e un’asta di bandiera in direzione del portiere della squadra avversaria; tale condotta ha determinato la sospensione della gara da parte dell’Arbitro al 48° minuto del secondo tempo per circa un minuto […] nell’avere lanciato, a fine gara, dal Settore Tribuna, numerosi oggetti (bottigliette d’acqua da ½ litro semipiene con e senza tappo, accendini e monete) sul terreno di gioco all’indirizzo dei giocatori della squadra avversaria mentre facevano rientro negli spogliatoi e, uno degli accendini, attingeva alla spalla un calciatore del Lecco“.