Dalla Serie C alla Lazio: la crescita di Nicolò Casale

L'esperienza formativa in Lega Pro del difensore dell'Hellas Verona

9 Luglio 2022

Redazione - Autore

Dopo aver fatto l’Università per entrare nel mondo del lavoro serve fare pratica. Questo lo sa bene Nicolò Casale. La sua università è stata l’Hellas Verona e le prime esperienze nel calcio dei grandi sono passate dalla Serie C: Prato e Sudtirol. Il classe ’98, è stato il pilastro della difesa veronese e, ora è pronto a iniziare la sua nuova avventura con la maglia della Lazio. Sondato a gennaio anche dal Napoli, i biancocelesti e Sarri hanno voluto a tutti i costi il difensore gialloblù. Casale negli ultimi anni ha dimostrato di reggere pressioni importanti.

Dalla Primavera al salto tra i grandi: Prato e Sudtirol le palestre di Nicolò

Casale, nato in provincia di Verona, non poteva che crescere nel settore giovanile dell’Hellas. In Primavera è allenato da Pavanel e come compagno ha un giovanissimo Kumbulla. Al termine del percorso di ‘studi’, è tempo di tuffarsi nel calcio dei grandi. I primi mesi in B a Perugia, già accarezzata con l’Hellas Verona ma solo in panchina, non sono del tutto positivi. Soltanto due presenze, di cui una in Coppa, con gli umbri e la partenza a gennaio in direzione Prato. Sei mesi in C che gli consentono di trovare continuità. In coppia con Cistana (anche lui un tempo cercato dal Napoli), raggiunge le 15 presenze al termine della stagione e una retrocessione amara ma inevitabile. 

Le qualità mostrate dal classe ’98, però, sono chiare e sotto gli occhi di tutti. Il Sudtirol non si fa sfuggire la possibilità di prelevarlo in prestito e in estate affonda il colpo decisivo. Agli ordini di Zanetti trova una stagione ottima: 39 presenze totali e la squadra che raggiunge i playoff. La sua avventura in C è stata più che formativa e questo gli vale il salto al piano superiore. 

Da Venezia alla promozione in A con l’Empoli

Il piano superiore si chiama Serie B. Dopo un anno e mezzo in Lega Pro la musica cambia e a Venezia trova una buona continuità in cadetteria. Gli insegnamenti di Dionisi lo fanno crescere ulteriormente e il suo bagaglio si amplia. Juric lo osserva per tutta la stagione e in estate se lo tiene a fare il ritiro estivo. Sembra poter essere il completamento di un cerchio, invece, ad agosto viene mandato nuovamente in prestito, stavolta ad Empoli

In Toscana ritrova sempre Dionisi e sarà un’annata formidabile per lui e per la squadra. Il primo gol tra i professionisti, la rete fondamentale per la vittoria al Castellani contro la Virtus Entella, e la promozione in massima serie. Questa volta sì, il cerchio si chiude e la Serie A la trova davvero. 

Casale, alla conquista di Verona

Casale è l’esempio lampante di quello che crede nei propri sogni. A crederci sempre, prima o poi si avverano. E’ il 21 agosto del 2021 e questa data resterà impressa nella memoria di Nicolò: contro il Sassuolo arriva l’esordio nella massima serie. Sempre in campo, è diventato partita dopo partita uno degli imprescindibili della formazione di Igor Tudor. Una storia di lavoro e sacrifici e, ancora una volta, partita dalla Serie C. La crescita di Casale non è passata inosservata e la Lazio ha pensato di metterlo a disposizione di Sarri per la prossima stagione. 

A cura di Simone Brianti