Latina, Fontana: “Oggi abbiamo preso tre gol con due tiri e mezzo”

Le parole dell'allenatore nerazzurro in conferenza

7 Marzo 2024

Fabio Basile - Autore

Cade il Latina in casa. La Juve Stabia si impone per 3 a 1 al Francioni e vola a 64 in classifica. I nerazzurri restano a 41 e dovranno lottare in questo finale di stagione per mantenere un posto nei playoff. Al termine della partita, l’allenatore dei nerazzurri, Gaetano Fontana, si è presentato in conferenza stampa.

Leggi Anche plus: Premi il pulsante per attivarne le funzionalità

Fontana: “Fasolino? Da domani saremo concentrati sulla prossima partita”

In primo luogo, sull’errore di Fasolino che ha favorito il vantaggio della Juve Stabia e sulla scelta di schierare l’ex Turris dal 1’ al posto di Guadagno. “Oggi è rientrato perché secondo me la partita era adatta alle sue caratteristiche. L’errore ha pesato? Credo il Latina abbiamo fatto una prestazione importante contro la prima della classe, oggi hanno faticato secondo me, questo è merito dei ragazzi. Mi dispiace per lui, sente la responsabilità della partita addosso. È giovane, paghiamo il suo errore ma da domani saremo concentrati per la prossima partita”.

Proseguendo, sulla partita e il cammino della Juve Stabia: “È normale che i giudizi sono influenzati dal risultato, ma io devo fare delle valutazioni diverse. Juve Stabia? È naturale che quando gli regali un gol poi fai fatica a riprenderla. Loro arrivano con facilità nell’area di rigore, oggi abbiamo preso tre gol con due tiri e mezzo. È normale che poi con l’espulsione finisce la partita. Che avrebbero fatto un campionato importante si vedeva già dalle prime partite, ho fatto i complimenti a Pagliuca”.

Credit Latina Calcio 1932

“La mia Juve Stabia? Mi dispiace non aver terminato quel percorso”

In conclusione, sul suo passato a Castellammare: “Io ho vissuto la Juve Stabia. È vero che sta giocando un calcio davvero piacevole. La mia Juve Stabia faceva un grande calcio? Non mi è stato permesso finire il lavoro, ma non posso essere rammaricato, perché non è dipeso da me. Dal mio allontanamento poi la situazione non migliorò. Mi dispiace non aver terminato quel percorso, ma oggi sono in un’altra squadra. A Castellammare ho vissuto tanti anni, conosco anche dei ragazzi che collaborano con Pagliuca, oggi è un risultato anche per loro”.