Lega Pro, nasce un network al servizio dei club: cosa fornirà?

Il comunicato della Lega Pro e le dichiarazioni del presidente Ghirelli

Ghirelli
6 Maggio 2022

Redazione - Autore

Dalla sicurezza alla manutenzione dei campi, sino alla progettazione e allo sviluppo degli impianti: in Lega Pro nasce un network di aziende al servizio dei club.

Come nasce l’idea?

La Lega Pro ha spiegato tutto nel dettaglio con un comunicato: “L’idea nasce dall’opportunità di costruire un sistema in cui mettere in contatto aziende leader nei rispettivi mercati con le necessità dei club. Da qui sino a tutta la prossima stagione sportiva, il pool di aziende fornirà le proprie competenze alle squadre, accompagnandole nei rispettivi percorsi di crescita. Ad oggi il pool si compone di otto partner, che saranno fornitori ufficiali di Lega Pro”. Quali sono questi partener? SKIDATA (Sistemi di controllo accessi), Sportium (Progettazione e sviluppo impianti sportivi), Sofisport (Realizzazione, installazione e manutenzione campi), Control-Green (Gestionale per manutenzione campi). Poi ancora, Omsi (Produzione e installazione di sedute in plastica) e Randstad (Servizi di steward, hostess e pulizie). Infine, Toropratoverde (Fornitura di macchinari per la manutenzione dei campi) e Dallmeier (Sistemi di sicurezza).

Ghirelli

Lega Pro, le dichiarazioni di Ghirelli

Queste le parole del presidente della Lega Pro: “La nostra è una Lega che predilige il ragionamento a sistema. In questo caso ragionare in una logica di rete ci permette di cogliere le necessità delle squadre e di tradurle in soluzioni concrete, nei tempi più rapidi e nelle modalità miglior. Ringrazio le aziende che hanno deciso di essere parte attiva di questo progetto e di condividere le loro esperienze con i nostri club”.

Ha poi proseguito poi anche Luigi Ludovici, vice presidente della Lega Pro: “È nostra intenzione cooperare con aziende di primaria rilevanza per accrescere la visibilità dei rispettivi brand. Quindi svolgere attività di co- e cross-marketing, sviluppare nuovi prodotti. Vogliamo porre in essere attività formative a beneficio dei club“.