Lega Pro, le iniziative per la Giornata della memoria: il comunicato

Tutto quello che c’è da sapere

26 Gennaio 2024

Redazione - Autore

Anche la Lega Pro scende in campo in occasione della Giornata della memoria. Nel corso delle gare che verranno disputate dal 26 al 29 gennaio, infatti, apparirà un LED luminoso su tutti i campi della serie C con il seguente messaggio: “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario. Con questa citazione di Primo Levi la Lega Pro ha deciso di ricordare la Giornata dedicata alle vittime dell’Olocausto. La frase apparirà in quattro momenti: al fischio d’inizio, al minuto 27 del primo tempo e poi in due occasioni nella ripresa. Non solo: saranno previste attività anche nella fase pre-partita e poi fuori dal campo con una campagna social dedicata. Di seguito il comunicato della Lega.

Foto credit Lega Pro
Credit: Lega Pro

Il comunicato ufficiale della Lega Pro

Firenze, 26 gennaio 2024. “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”, con queste parole di Primo Levi la Lega Pro celebra il Giorno della Memoria in ricordo delle vittime dell’Olocausto. Il messaggio apparirà sui led luminosi di tutti i campi della Serie C NOW, nel corso delle gare di campionato che verranno disputate da oggi fino al 29 gennaio 2024, in quattro momenti: al fischio di inizio, al minuto 27 del primo tempo e, infine, in due occasioni della ripresa.
Le attività coinvolgeranno anche la fase prepartita, all’ingresso in campo delle squadre, e l’intervallo, quando lo speaker dello stadio darà lettura del seguente messaggio: “Tutti i club della Lega Pro si schierano contro ogni forma di odio, violenza e razzismo in ricordo del Giorno della Memoria dell’Olocausto che ricorre ogni 27 gennaio. Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”. La commemorazione non si limiterà alle attività negli stadi della Serie C NOW, ma è previsto il lancio di una campagna social dedicata. La Lega Pro tutta, ricordando le atrocità della Shoah, ripudia qualsiasi atto di aggressione e sarà sempre in prima linea nella battaglia al razzismo”