Lucchese, la retrocessione è un brutto ricordo: ora si puntano i playoff

La Lucchese è passata dalla Serie D ai playoff. Una squadra da riformare e l'obiettivo salvezza che è già a portata di mano

14 Dicembre 2021

Redazione - Autore

Riavvolgiamo il nastro. Ultima giornata di Serie C della stagione 2020/2021. La Lucchese affronta il Renate già conoscendo il suo destino, quella sarebbe stata l’ultima partita tra i pro. I rossoneri ritornano tra i dilettanti. Una permanenza brevissima. La FIGC decide il ripescaggio della Lucchese a completamento organici. Comincia così il lavoro della società.

L’arduo lavoro della società

Una squadra da rifondare per affrontare il girone B di Serie C, uno dei più competitivi. La società recluta ben 27 calciatori. Tanti giovani con la voglia di emergere e qualcuno più anziano con il compito di guidare lo spogliatoio e far crescere i compagni. I toscani hanno la rosa seconda rosa più giovane del girone. Solo tre calciatori superano la soglia dei 27 anni: Baldan, Fedato e capitan Coletta.

Chi ben comincia è a metà dell’opera

Pronti via e la partenza è ottima. Vittoria esterna ad Imola con il primo centro di Marco Semprini, l’attuale capocannoniere della squadra a quota cinque reti. In tre delle quattro partite nelle quali ha segnato, la Lucchese ha sempre vinto. L’altro trascinatore della squadra è Francesco Fedato in prestito dal Gubbio. L’attaccante, a disposizione dell’allenatore Pagliuca, può vantare importanti esperienze in Serie A con il Catania e in B con Modena, Bari e Foggia (tra le altre). Fino ad ora quattro reti e diverse prestazioni da applausi. La Lucchese resta, però, la squadra con il terzo peggior attacco del girone. Il vero punto forte è un altro.

Il punto di forza della Lucchese è la difesa

Le 18 reti subite in altrettante giornate permettono alla difesa rossonera di stazionare nella top 3 delle squadre meno perforate. Questo è il vero segreto della stagione oltre le aspettative della Lucchese. Poi se chi dovrebbe evitare i gol avversari li segna, è ancora più facile. Corsinelli e Bellich sono due dei tre difensori che si sono iscritti nel tabellino dei marcatori. L’altro è Pietro Visconti, terzino proveniente dalle giovanili dell’Inter, che è un’arma tagliente in forza dei toscani. Non solo una rete ma anche quattro assistenze per i compagni, lo rendono uno dei calciatori del pacchetto arretrato più decisivi dell’intera categoria.

Tutte le sei sconfitte della Lucchese sono arrivate in sfide contro squadre che la precedono in classifica. Gli unici risultati che sconfessano questa statistica è il pari con il Pescara e la vittoria con il Pontedera. Per il resto la Lucchese è infallibile. La salvezza, così, potrebbe arrivare prima del previsto.

A cura di Raffaele Galasso