Mancini, chi è il talento del Vicenza promesso sposo al Milan

L'attaccante classe 2004 vicino ai rossoneri

Tommaso Mancini Vicenza
2 Agosto 2022

Redazione - Autore

Quando un attaccante di sedici anni, di cui si parla un gran bene, esordisce nel mondo del calcio professionistico con la maglia del Vicenza, le fantasie degli appassionati iniziano a volare libere, come direbbe Vasco. Stiamo parlando di Tommaso Mancini, giovane talento del Vicenza, che come Roberto Baggio ha debuttato da giovanissimo con la maglia biancorossa e con l’etichetta del ragazzo dal grande futuro. Piano però: i paragoni lasciano il tempo che trovano. Christian invece il segno lo vuole lasciare davvero.

Dagli esordi all’interesse del Milan: chi è Tommaso Mancini

Era il 4 gennaio 2021, una data che Tommaso non dimenticherà mai. Di Carlo, allora allenatore del Vicenza, lo manda in campo nel match contro il Brescia, vinto dai suoi per 3-0. Mancini quel giorno non debuttò tra i professionisti (aveva già giocato in Coppa Italia), ma diventò il primo classe 2004 a fare l’esordio in Serie B. Un anno e mezzo dopo, Mancini ha collezionato quindici presenze in totale in B, sempre con la maglia del Vicenza, club che nella scorsa stagione è retrocesso in Serie C. L’anno prossimo non è certa la sua permanenza al Menti: su di lui ci sono gli occhi di alcuni grandi club. Come ultimo si è mosso il Milan, che ha superato la concorrenza della Juventus e dei club esteri (qui i dettagli). 

Tommaso Mancini è il ragazzo a sinistra,

Come gioca Tommaso Mancini

Tommaso Mancini è un attaccante centrale che all’occorrenza sa trovarsi bene anche dietro le punte. Nell’ultima stagione, in Serie B, quando è stato chiamato in causa, sette volte su otto ha giocato come punta, mentre una volta sola è stato schierato come seconda punta. Mancini è dotato di buona tecnica, potenza fisica (è alto 1,90m) e ottimo fiuto della porta, come ha dimostrato nella stagione 2020/2021, quando era nella Primavera 2a del Vicenza: 13 presenze, 10 gol. Un trend che aveva fatto vedere anche in Nazionale, con 8 gol in 12 partite in Under 16. Oggi, Tommaso è in Under 19, ma Roberto – che per una volta è “l’altro Mancini”, nonché ct della Nazionale (maggiore) – lo ha già adocchiato e chiamato per lo stage dello scorso maggio. 

Insomma, dopo aver fatto intravedere il suo talento, ora di Mancini si inizia a parlare sempre con più frequenza. Prima in chiave mercato, poi sicuramente in campo. E oltretutto, per parlare di lui risulta facile evocare grandi leggende del nostro calcio. Baggio lo abbiamo detto, Mancini (Roberto) pure. Il terzo? Paolo Rossi: “Fu anche grazie alla sua spinta che riuscimmo a convincerlo a firmare con noi”, raccontò il presidente del Vicenza, Renzo Rosso, a La Gazzetta dello Sport. Adesso spetterà a Tommaso far vedere tutte le sue doti. Calma, però: compirà diciotto il 23 luglio. C’è tutto il tempo e nessuna fretta per compiere una grande carriera. Intanto, la si può solo immaginare. E le fantasie continuano a volare libere.