Catania, l’annuncio di Pelligra ai tifosi: “Voglio crescere con voi e per voi”

La nota del presidente rossazzurro verso i supporters in vista del nuovo anno

Ross Pelligra presidente Catania
2 Gennaio 2024

Redazione - Autore

Il Catania è già pronto ad affrontare il 2024. Lo si capisce dall’annuncio del presidente rossazzurro Ross Pelligra. Il patron catanese, tramite una nota, ha augurato un buon anno ai tifosi e ha promesso una crescita costante nella seconda metà di stagione.

pelligra
credit: Catania

Pelligra: “Non si cresce in un giorno ma ogni giorno”

Questo il contenuto della nota: “Tutto il Catania augura alla sua gente un 2024 all’insegna del sorriso e delle soddisfazioni. Crescere – ha aggiunto – sarà sempre il primo obiettivo del club: è questo lo spirito che ci anima, è questo il nostro pensiero costante. Non si cresce in un giorno ma ogni giorno e noi, cari tifosi, vogliamo farlo per voi e con voi. Felice anno nuovo “cuori” rossazzurri“. Una nota che certifica la voglia di un cambio di passo da parte del club allenato da Cristiano Lucarelli, autore di un girone d’andata fra alti e bassi.

Catania Lucarelli
Credit Catania FC

Il rendimento del Catania nella prima metà di stagione

Nella prima metà della stagione, nel girone C di Serie C, il rendimento del Catania non ha confermato le attese iniziali. I siciliani son partiti sotto la guida di Luca Tabbiani – ora tornato alla guida del Fiorenzuola. Con lui in panchina in 12 partite appena 15 punti conquistati ma, soprattutto, ben cinque sconfitte. L’ultima, che ha portato all’esonero dell’allenatore di Genova, è maturata al Viviani di Potenza per 1-0. Sulla panchina del Catania, poi, nella trasferta di Cerignola e prima dell’arrivo di Lucarelli, si è seduto Michele Zeoli. Contro i gialloblù è arrivata, però, un’altra sconfitta per i siciliani, che si sono ritrovati così quasi ad un passo dalla zona play-out. Quest’ultima è stata scongiurata – almeno per ora – proprio dall’arrivo del nuovo allenatore. Con Lucarelli in panchina non sono mancate le difficoltà, anche due sconfitte di fila, prima del poker inferto al Benevento, che ha chiuso il girone d’andata. La media punti, però, si è rialzata in modo importante. 10 punti in 6 partite: 1,6 punti a partita contro l’1,25 registrato in precedenza da Tabbiani. Anche a livello di gol fatti, dal ritorno di Lucarelli sulla panchina catanese, i numeri sono cambiati. Dalle 11 reti in 13 partite si è passati alle 8 marcature in 6 uscite. La crescita di cui ha parlato anche Pelligra, insomma, c’è stata ma il Catania non si vuole fermare assolutamente qui. Ora è appena dentro i play-off – decima con 25 punti all’attivo – ma punta molto più in alto. Tanto passerà anche dal mercato invernale, in cui certamente verranno effettuati dei ritocchi alla squadra, per permetterle di competere ad un livello sempre più alto.