Pescara, Zeman: “Il Gubbio è una buona squadra, Braglia ha fatto tanto e bene in Serie C”

8 Febbraio 2024

Redazione - Autore

Importante match in programma allo stadio Barbetti nella giornata di venerdì 9 febbraio. Il Pescara di Zdenek Zeman sarà infatti di scena a Gubbio in uno dei cinque anticipi del girone B di Serie C. Una partita dall’alta posta in palio, con il team di Braglia sesto e quello abruzzese quinto e distante un punto. A parlare nella classica conferenza pre gara, è stato l’allenatore del Pescara Zeman.

Pescara, Zeman: “Cangiano a disposizione, da valutare Di Pasquale e Franchini”

L’allenatore del Pescara Zeman si è anzitutto soffermato su alcuni dei suoi giocatori in vista del match contro il Gubbio: “I nuovi acquisti possono darci una mano. Sasanelli arriva da un altro campionato, deve inserirsi ma i mezzi li ha. Meazzi? Per me è più centrocampista. Dipende anche dagli avversari ma può giocare anche davanti. Devo vedere come stanno Di Pasquale e Franchini, il primo ha la febbre, il secondo ha qualche problema. Non hanno però i 90′ minuti nelle gambe. Cangiano invece sta bene ed è a disposizione. Squizzato deve recuperare ancora bene. I risultati positivi devono aiutarci a fare meglio ma con il Pineto non abbiamo fatto bene. Il Gubbio viene da 7 partite importanti. Loro ci credono, sono una buona squadra. Immagino giochino con Udoh, sperando non ripeta la gara dell’andata anche se Di Massimo aveva fatto bene nelle ultime partite”.

pescara zeman

E poi sulla difesa e su Braglia: “Pellacani è per noi una possibile opzione. Questa squadra ha i mezzi, spesso non li esprimiamo bene. Con i nuovi vogliamo migliorare. La difesa non subisce? Bisogna capire il perché. Colpa nostra che siamo stati troppo attenti e non abbiamo rischiato. Dobbiamo rischiare di più. Meazzi ha tanto dinamismo ed è bravo tecnicamente. Tatticamente deve capire. Accornero e Vergani? Manca ancora, purtroppo. Braglia è un allenatore che ha fatto tanto e bene in Serie C, conosce la categoria. Infine, una battuta sul festival di Sanremo: “Non lo seguo. Mi piacciono le canzoni, sapete che canticchio spesso ma non so cosa perché me le invento. Chi mi piace? Venditti, è un amico grazie alla Roma”.