Cesena, Toscano: “Rimini? Potrebbe essere la partita decisiva”

La conferenza stampa dell'allenatore dei bianconeri alla vigilia del derby

Cesena Toscano screen YT
8 Febbraio 2024

Redazione - Autore

“Entrambe le squadre andranno al massimo e noi dobbiamo entrare in campo consapevoli che tutti dovranno dare il 100% perchè solo così puoi esprimere il tuo massimo potenziale“. C’è piena consapevolezza e sincero rispetto nelle parole di Domenico Toscano, allenatore del Cesena, per quella che potrebbe essere una partita chiave in questa fase del campionato: il derby con il Rimini in programma venerdì 9 febbraio alle 20:45. Ma Toscano non vuole distaccarsi da quelle che sono le sue idee. Ogni partita fa storia a sé. Il Rimini non è quello battuto con 5 gol nel girone di andata all’Orogel Stadium e l’allenatore bianconero ci tiene a sottolinearlo. Il Cesena dovrà, inoltre, fare i conti con alcune defezioni importanti fra le quali quella dello stesso allenatore che non sarà in panchina per la trasferta a causa di una squalifica. Dispiaciuto sì, ma tranquillo perché conosce il suo organico. Che, oramai, è sempre più “squadra” – come ammette e ringrazia lui stesso nella conferenza stampa alla vigilia del match con i biancorossi.

Cesena Toscano screen YT
Credit Cesena Calcio

Toscano: “Il bello di questo Cesena è che tutti sono importanti”

Non c’è scampo. L’attenzione di Toscano e della platea di giornalisti presenti in sala stampa per la conferenza di presentazione del match della 25^ giornata di Serie C girone B, che vedrà impegnato il Cesena sul campo del Rimini, è rivolta alla situazione squalifiche. Non ci saranno, infatti, Varone e Silvestri. “Se vuoi ottenere qualcosa qualche sacrificio lo devi fare”. Stesso discorso per Toscano che dovrà accomodarsi in tribuna al Romeo Neri: ” Dispiace non poter essere in panchina ma non ci dobbiamo focalizzare su questo aspetto perché c’è tutto lo staff dietro, quindi siamo tranquilli e sereni. Non sarò in campo ma sarò vicino alla squadra attraverso Michele Napoli. L’aspetto che mi rende più sereno è che siamo una squadra: non è una frase fatta perché possiamo contare su tutti, sia dentro che fuori dal campo. Questo per me significa essere squadra“.

La partita con la Fermana ha lasciato qualche infortunio ad alcuni giocatori importanti come De Rose e Kargbo. “Con la Fermana è stata una partita impegnativa; per gli infortunati ci prendiamo queste ore per fare le ultime valutazioni. Tutti vogliono essere partecipi di questa partita e aspettiamo domattina dopo il risveglio muscolare per le ultime considerazioni”. Nulla che possa preoccupare Toscano. Deciso e sempre più consapevole del valore del suo gruppo. “Come ho già detto, oggi il Cesena può contare su tutti e questa gara è un mezzo per arrivare all’obiettivo“. Quindi spazio alle possibili alternative in campo: Saber e Berti sono due soluzioni che abbiamo preso in considerazione. Domani giocano entrambi”. Senza scendere nei dettagli, strategia: “In base alla loro posizione cambierà l’impostazione della gara. Noi abbiamo le idee chiare su come valorizzare le loro qualità in questa partita, ma non chiedetemi dove giocheranno perché non ve lo dirò mai”.

Credits: Luigi Rega

L’importanza del derby

Lo scenario atteso allo stadio sarà di quelli da grande occasione (LEGGI QUI). “Queste sono partite che tutti vogliono giocare e vedere. Vanno vissute col giusto sfottò, con un bello spettacolo sia dentro che fuori dal campo”. Qualche considerazione in merito agli avversari. “Il Rimini è cambiato rispetto all’andata, come noi. L’abbiamo studiato molto bene, ha modificato qualcosa nelle ultime partite e ha guadagnato solidità”. Punti deboli? “Forse ha perso qualcosa nell’ultimo periodo in avanti, ma per noi non conta”. Concentrazione l’unica strada da seguire. Potrebbe essere una gara determinante secondo l’allenatore. “Ho detto ai ragazzi che è la partita che può farci avvicinare di più all’obiettivo”.

Un pensiero ai quasi 2.000 tifosi che seguiranno la squadra non può mancare. “I ragazzi sanno l’importanza che ha questo match dentro e fuori dal campo. Ripeto, è quello che potrebbe avvicinarci ancor di più al traguardo”. Nessun timore. Il lavoro fatto è indiscutibile. “Abbiamo la nostra identità e la nostra testa. I ragazzi hanno avuto una crescita esponenziale soprattutto da un punto di vista mentale”. Chiusura ancora sui singoli. Spazio anche per una vecchia conoscenza del club che domani vestirà la maglia a scacchi biancorossi: “Mi aspettavo una crescita simile di Lepri, avevamo intravisto in lui delle qualità sono contento. Se lo merita”.  Due battute sul lungodegente Ciofi che sembra sempre più prossimo al rientro. “Ciofi ha svolto la settimana completa con la squadra e non ha sentito fastidio, ora è solo una questione di condizione”.