Da Correggio all’Inter fino al gol liberazione: l’esperienza di Siligardi per la FeralpiSalò

Le tante vite calcistiche dell'attaccante

Siligardi FeralpiSalò
13 Maggio 2022

Redazione - Autore

“Cadere, non abbattersi e poi rialzarsi”: un climax che ha vissuto Siligardi in questi ultimi mesi. L’attaccante, arrivato a gennaio alla FeralpiSalò non ha passato bei momenti a causa di un infortunio. Ma si sa, dopo il buio viene sempre la luce ed in questo caso il primo gol con i verdazzurri. Una rete che ha contribuito al passaggio del turno contro il Pescara. Ora, ad attenderlo ci sarà la Reggiana (qui il tabellone completo).

Il Torneo di Viareggio e l’infortunio al crociato

Tutto è iniziato da Campagnola, squadra del suo paese in provincia di Reggio Emilia, quando ha attirato le attenzioni del Parma. Da lì la sua carriera è stata un crescendo, seppur con qualche periodo altalenante. Nell’estate del 2006 è passato all’Inter. Tanta maturazione e qualche trofeo; infatti con i nerazzurri ha vinto il Torneo di Viareggio 2008 giocando in coppia con Mario Balotelli. Anche Mancini lo ha notato, mostrando subito la sua volontà di dare fiducia ai giovani. Il 17 gennaio 2008 ha debuttato in prima squadra in Coppa Italia, nella vittoria contro la Reggina per 3-0, sostituendo Dejan Stanković.

siligardi feralpisalò

Dopo aver giocato contro la Lazio nell’andata della semifinale di Coppa Italia, ha poi rinnovato il suo contratto con l’Inter fino a giugno 2012. Da quel momento è iniziata una trafila di prestiti che ha visto Luca approdare prima al Bari di Antonio Conte e poi al Piacenza e alla Triestina, giocando nel campionato di Serie B. Nell’estate del 2010 si è spostato al Bologna, maglia con cui ha esordito in Serie A proprio contro l’Inter. Segni del destino… L’anno successivo però ha fatto ritorno in Serie B, al Livorno, dove ha disputato uno dei suoi campionati migliori. Nella seconda stagione, infatti, è andato in doppia cifra vincendo il premio di miglior centrocampista della categoria nonostante la rottura del legamento crociato che non gli ha permesso di concludere il campionato. L’infortunio lo ha tenuto lontano dai campi di gioco per quasi sette mesi.

Dal Verona al Parma, i prestiti in B e la cessione in Serie C

Nell’estate del 2015 è tornato nuovamente in Serie A, con l’Hellas Verona, ma la permanenza nella massima serie è durata soltanto un anno. I gialloblù hanno chiuso la stagione con la retrocessione e nell’estate del 2017 è arrivato il momento del trasferimento a titolo definitivo dal Parma. Dopo delle stagioni non proprio esaltanti, ha continuato il suo viaggio per l’Italia accettando la proposta del Crotone e in seguito quella della Reggiana prima di far nuovamente ritorno al Parma, senza collezionare presenze. Non rientrando più nei piani societari, è stato messo fuori rosa e così, il 29 gennaio 2022, è stato ceduto a titolo definitivo alla Feralpisalò, ripartendo dal campionato di Serie C.

siligardi

Siligardi e i numeri con la FeralpiSalò

Siligardi, quest’anno, con la maglia verdazzurra ha disputato sette partite nella regular season, partendo due volte dalla panchina e giocando spesso nella posizione di trequartista. I minuti di gioco collezionati in totale sono 373. Nella gara di andata contro il Pescara, valida per il primo turno della fase Nazionale dei playoff, Siligardi è entrato all’85esimo minuto. Appena 5 minuti di gioco in quell’occasione ma nel match di ritorno è arrivata finalmente la gioia del gol. L’attaccante ha segnato la sua prima rete con la maglia verdazzura, fissando il momentaneo 2-0 che ha permesso poi alla squadra di Vecchi di qualificarsi al turno successivo. Inutile, infatti, il gol del Pescara al ’74. Adesso ci sarà la Reggiana da affrontare nel doppio incontro del Secondo Turno Nazionale. Ma la FeralpiSalò potrà contare su un ritrovato Luca Siligardi, sperando che col suo mancino possa continuare a far sognare i tifosi verdazzurri e a credere in unico obiettivo: la promozione in Serie B.

A cura di Salvatore Alferi