Crotone, Zauli: “Il Cerignola è una squadra competitiva, metteremo tutta la rabbia possibile”

Le parole del tecnico in vista della sfida con il Cerignola

Zauli
26 Gennaio 2024

Alessandro Neve - Autore

Lamberto Zauli, prima di partire per Cerignola, ha parlato in conferenza stampa. L’appuntamento è quello di sabato 27 gennaio alle 20:45 contro l’Audace Cerignola. L’allenatore del Crotone ha analizzato i possibili temi della gara di sabato, partita che i rossoblù giocheranno ancora una volta in emergenza. Di seguito le parole del tecnico degli squali.

Zauli Crotone

Crotone, Zauli: “Conosciamo le nostre qualità e le metteremo in campo”

L’allenatore dei calabresi ha parlato in vista dell’appuntamento di sabato contro l’Audace Cerignola: “Sappiamo di andare ad affrontare una squadra viva che ha fatto tanti gol, trova sempre molta continuità e andremo su un campo sintetico. Siamo a un punto del campionato in cui ci si giocano punti molto importanti con la classifica che è molto corta e ogni eventuale vittoria sarebbe molto importante sotto tutti i punti di vista. Cercheremo di mettere tutta la rabbia per la non vittoria contro la Virtus Francavilla: questo deve essere lo spirito giusto, sapendo delle difficoltà, però sappiamo anche delle nostre qualità e dei nostri valori che vogliamo mettere in campo sabato”. Sul momento di emergenza aggiunge: “Non saranno della partita Leo, che sta recuperando ma non è pronto, e Gigliotti che ha avuto un problemino muscolare. Vinicius si sta allenado a giorni alterni a causa di una infiammazione alla tibia, è un problema che si porta dietro dalle passate stagione. Sta lavorando per esserci sabato. Dopo la rifinitura di domani decideremo”.

Il tecnico rossoblù: “Petriccione? Società e allenatore fanno delle scelte”

Riguardo la cessione di Petriccione mister Zauli precisa: “Jacopo era un giocatore importante per il Crotone, molto stimato dai suoi compagni, un leader silenzioso, il trascinatore riconosciuto dalla squadra. Ma sappiamo come funziona. Jacopo ha ricevuto una richiesta dalla categoria superiore, lui è uno di quei giocatori che ha fatto anche la Serie A, che ti regala tante cose, ma se non mantieni le categorie importanti ti porta anche tanta negatività. Personalmente e per la squadra sono dispiaciuto, ma noi dobbiamo essere contenti per lui. Noi andiamo avanti: abbiamo tre mesi per conquistarci la B sul campo. Questa era un’operazione inevitabile. Squadra e società farà di tutto per sopperire all’assenza di Petriccione”. Infine sul mercato in entrata conclude: “Cercheremo un centrocampista che non dico debba sostituire Jacopo, anche perchè ogni giocatore ha le sue capacità. Un centrocampista che ci possa aiutare, non a dominare la scena, ma ad essere protagonista, non dico un leader, ma una presenza importante dentro il campo. In più nel reparto offensivo stiamo cercando quei giocatori che possano fare un reparto molto pericoloso anche per le squadre avversarie”.