Benevento-Messina, Auteri: “Gara difficile, a marzo si entra nel vivo del campionato”

Le parole dell'allenatore: "Loro sono forti in trasferta, ci siamo preparati bene come al solito"

9 Marzo 2024

Manuele Nasca - Autore

“Il Messina è una squadra forte in trasferta”. Tiene altissio il livello di concentrazione Gaetano Auteri, allenatore del Benevento, alla vigilia del match contro i siciliani. Ora il pallone pesa di più, e i punti sono determinanti. I giallorossi per mantenere il secondo posto ed inseguire la Juve Stabia capolista, la squadra di Modica per raggiungere quanto prima la salvezza matematica e, chissà, avere ambizioni playoff (distanti un solo punto). Noi l’abbiamo preparata in un determinato modo, senza perdere le nostre prerogative che devono essere quelle e che dovremo mantenere per tutta la partita”, ha detto l’allenatore del Benevento in conferenza stampa.

Benevento, Auteri: “Siamo a 8 giornate dalla fine e dobbiamo procedere dritti”

Vietato sottovalutare la partita per Gaetano Auteri, che teme il Messina: “E’ una squadra forte, noi l’abbiamo preparata bene senza snaturarci. Sappiamo cosa troveremo di fronte e come comportarci. Dobbiamo fare una grande partita, il Messina accetta il confronto e questo è un buon segno perché anche noi facciamo così”. Sulla condizione di alcuni singoli ha poi detto:  “Lanini e Nardi stanno bene, per cui siamo a otto giornate dalla fine e dobbiamo procedere dritti”. Sul match ha aggiunto: “E’ sicuramente una squadra diversa rispetto al Potenza. Noi l’abbiamo preparata in un determinato modo, senza perdere le nostre prerogative che devono essere quelle e che dovremo mantenere per tutta la partita”.

Auteri Benevento

“Il campionato entra nel vivo”

Marzo; il mese che gli allenatori aspettano. I giorni che pesano più degli altri. E’ così anche per Auteri, allenatore del Benevento:  Il campionato entra nel vivo. Testa bassa e pedalare: giocando con grande lucidità ed equilibrio, migliorando tutto ciò che di buono è stato fatto fino a questo momento. A volte pensiamo di gestire le partite, invece da questo punto di vista si può crescere. Complessivamente stiamo bene, il Messina è una squadra particolare che accetta il confronto”