Capuano: “Se Antonini dice pubblicamente che non vuole andare via, io mi dimetto”

Le parole dell'allenatore del Taranto: "Romano? Non parlo perché sono buono. Per Falco mi toglierei due litri di sangue per portarlo qui". E sulle voci di uno smantellamento della squadra: "Degni del manicomio di Montelupo"

capuano taranto
15 Gennaio 2024

Redazione - Autore

Mercato in fermento in casa Taranto, con l’allenatore Ezio Capuano che ai colleghi di Antenna Sud ha fatto il punto della situazione dopo le ultime voci riguardanti gli addii di Antonini (direzione Catanzaro) e Romano (con il Giugliano nel suo futuro), con i due che nella giornata di oggi, 15 gennaio, non hanno preso parte all’allenamento della squadra.

Matias Lui Antonini Taranto

Capuano: “Non vogliamo smantellare. Siete malati di mente?”

Così l’allenatore su Antonini e Romano: Sento tante notizie. L’intento del Taranto è quello di rafforzarsi e lo stiamo dimostrando. Sono schietto e mi assumo la responsabilità, io come gli altri. Per noi i giocatori sono incedibili, ma se sono loro a chiedere di andare via per forza io non trattengo nessuno. Giocare qui deve essere un piacere, e ho sempre detto che non avremmo voluto mai che nessuno andasse via. Speculare su vendite o plusvalenze è errato. La classifica è impensabile, se qualcuno pensa che ci vogliamo indebolire è follia. Noi non vogliamo cedere nessuno, ma come io dico la verità voglio che la dicano anche gli altri. Oggi è arrivato De Marchi, nei prossimi due ne ufficializzeremo altri di cui uno fortissimo. Antonini? Se viene da me e mi dice che non vuole andare via, io mi dimetto da allenatore. Ha chiesto a più riprese di andare via, e lo capisco, ma nessuna responsabilità a una società che sta facendo sacrifici. Se altri si svegliano e chiedono di andare via, noi non abbiamo colpe. Non trattengo nessuno, stiamo facendo un capolavoro. Il 15 dicembre ho detto no a una società forte, capisco che è un lavoro e ringrazierò sempre tutti. Cianci è venuto da me e l’ho fatto andare via. Qualcuno pensa che vogliamo smantellare? Degno di una stanza nel manicomio di Montelupo. Tratto tutti come figli e se miglioro il parco giocatori vuol dire che sono anche bravo. Se Antonini viene e dice che non vuole andare via da Taranto, io mi dimetto. Lo ripeto. Romano? Non lo so, e mi fermo qui perché sono troppo buono. Muore un Papa si continua a giocare, perdiamo due giocatori importanti ma ci faremo trovare pronti. Ma dire che Giove vuole vendere Antonini a me fa girare i coglioni. Non è giusto quello che sento. Siamo a un punto dalla seconda e ci vogliamo indebolire? Siete malati di mente? Prenderemo sostituti e sicuramente non saremo fermi”.

capuano

Capuano: “Miceli in arrivo. Falco? Anche in B sarebbe sprecato”

E sulle manovre in entrata: Miceli arriva domani, 16 gennaio. Noi siamo il Taranto e sono garante di un popolo. Nessuno può pensare che sono incapace, è normale che se va via un giocatore noi dobbiamo prenderne un altro. Senza fare polemica, voglio bene a tutti e li ho trattati come figli. Ognuno si assume la responsabilità delle proprie decisioni senza gettare merda. Se un giocatore e il suo procuratore sono stati bravi in fase contrattuale, faccio un applauso. Ma nessuno deve dire che vogliamo vendere. Il mio intervento è necessario per ribadire che miglioreremo la squadra, se poi abbiamo tanti giocatori richiesti fa piacere ma non abbiamo dato via nessuno. Il Taranto rilancia avendo preso un giocatore forte come De Marchi e Miceli, e in queste ore stiamo chiudendo per uno dei giocatori più forti della categoria. Falco? Ragazzo meraviglioso, tarantino che si allena con noi. Per lui sarei disposti a togliermi due litri di sangue pur di prenderlo. Al momento è un sogno, ma nella vita mai dire mai. Lui è stato chiamato da squadre di C ma a me ha detto che verrebbe solo qui. Merita la A, anche in B è sprecato. Sogno di portarlo a Taranto, potrei entrare nella storia ma mai dire mai. So che è impossibile ma chi smette di sognare ha smesso di vivere“.