Coppa Italia di Lega Pro, finalmente in campo: si riparte da Fidelis Andria-Sudtirol

Prima partita del 2022, in campo al "Degli Ulivi"

17 Gennaio 2022

Redazione - Autore

Per il ritorno al campionato ci siamo quasi. Ma questa non è soltanto la settimana che conduce alla ripresa della Serie C. Fidelis Andria e Sudtirol rimetteranno piede in campo già martedì 18 gennaio. Vigilia di semifinale d’andata di Coppa Italia di Lega Pro, per le due squadre della categoria che “brindano” al 2022 calcistico, facendo tornare a rotolare il pallone per prime in competizione ufficiale Sarà il primo test dopo la lunghissima sosta, per cominciare a testare la gestione stessa della pausa. Chiamati a superare la nuova prova i giocatori, ma anche gli staff tecnici: chi avrà gestito meglio il mantenimento della tenuta atletica?

Fidelis Andria bella di Coppa

La Fidelis Andria, a differenza della prima parte di campionato (terzultima nel girone C di Serie C), in Coppa ha avuto un percorso netto: ha esordito superando di misura al primo turno i cugini blasonati del Bari. Nel secondo turno ha la meglio sulla Virtus Francavilla. Ci vogliono quasi 120 minuti perché Di Noia regali il passaggio agli ottavi. Qui l’avversario è il Foggia di Zeman. Ed è anche la prima di Coppa per Ginestra, nel frattempo subentrato a Panarelli in panchina. Quest’ultimo ha pagato dazio per l’inizio di campionato opposto a quello esaltante di Coppa Italia. La gara non smentisce le aspettative, e la Fidelis Andria espugna anche lo Zaccheria: 2-3. Con questo bottino di Coppa, racimolato da agosto a novembre, al “Degli Ulivi” si presenta il Piacenza per i quarti di Finale. Come già accaduto in competizione, a segnare prima della mezz’ora sono i pugliesi con Bubas. Questa volta riescono a mantenere il gol del vantaggio fino alla fine. La strada verso la semifinale con il Sudtirol è così segnata.

Sudtirol, in Coppa da primi della classe

Dall’altro lato arriva il Sudtirol, che in Coppa dopo aver battuto ai preliminari il Perugia, ha eliminato Giana Erminio, Juventus U23, e Teramo. Tutt’altro campionato per il Sudtirol nel girone A, dove viaggia primo a vele spiegate. Adesso Javorcic potrà avvalersi in mezzo al campo delle geometrie di Shaka Mawuli Eklu. La squadra altoatesina ha interrotto il 2021 sul campo con largo anticipo a causa del Covid, che ha impedito la disputa delle ultime due partite dell’anno solare, e si approccia a questa semifinale da imbattuto, con un invidiabile cammino in campionato fatto di 13 vittorie e 5 pareggi.

Coppa Italia, come si arriva in finale

Le semifinali invece si svolgono con gare ad eliminazione diretta in doppia di andata e ritorno. Questo il regolamento: “Al termine di ogni turno di Semifinale e di Finale, risulta vincitrice la squadra che, all’esito delle due gare di andata e ritorno, ottiene il maggior punteggio o, a parità di punteggio, dopo la gara di ritorno, la squadra che ha conseguito una migliore differenza reti nelle due gare – si legge nel regolamento al 2.5 – In caso di ulteriore parità al termine delle due gare, sono disputati due tempi supplementari di 15 minuti ciascuno e, perdurando tale situazione, l’arbitro procede a far eseguire i calci di rigore, con le modalità previste dal Regolamento del Giuoco del Calcio”.

A cura di Carmine D’Argenio