Rinascita e sogno: il Giugliano verso i playoff

Il percorso dei gialloblù in campionato

Giugliano Stadio De Cristofaro
4 Marzo 2024

Giovanni Scialpi - Autore

Dalla paura di retrocedere al sogno. Dalla terzultima posizione dopo sei giornate all’ottavo posto e la ‘prima’ possibile qualificazione ai playoff Serie C: questo è il cambiamento che ha avuto il Giugliano durante il corso della stagione. I gialloblù, già alla prima stagione in Lega Pro, avevano dimostrato di poter riuscire a esaudire i propri sogni, gli stessi che sono sfumati durante l’ultima giornata della scorsa stagione contro il Crotone. Alla squadra campana bastava solo un punto, ma il 3-1 dei rossoblù mise fine a tutto. “Osa vivere la vita che hai sognato. Vai avanti e realizza i tuoi sogni“, diceva Ralph Waldo Emerson, filosofo statunitense. Il Giugliano quei playoff li ha sognati, li ha visti da vicino, ma ora ancor di più.

giugliano oviszach
Credit: Giugliano Calcio 1928

La rinascita del Giugliano

Il Giugliano ha deciso di riprendersi quel che gli era stato negato l’anno scorso proprio all’Ezio Scida, contro il Crotone. Nonostante i tanti cambi in rosa, i gialloblù, andati sotto 2-0 contro la squadra di Baldini nel primo tempo, sono riusciti a ribaltare il match in trentacinque minuti grazie alle reti di Salvemini e alla doppietta del suo capitano Roberto De Rosa. Torniamo indietro però. Tutto è nato con l’arrivo sulla panchina di Bertotto, che dal 3-5-2 è passato al 4-3-3. Modulo che ha permesso di mettere in risalto alcuni talenti gialloblù, come il tridente offensivo composto da Ciufferri, Salvemini e Oviszach. Tutti attaccanti con cinque gol in campionato. Dall’arrivo dell’allenatore di Torino, il Giugliano su ventitre partite ne ha vinte undici e pareggiate quattro. Risultati che fanno un media punti di 1,61 partita. Un rendimento simile a quello della Casertana, sesta in classifica a quarantasette punti (1,62 punti a partita). L’ottavo posto, quindi, non è un caso.

Uniti per la vittoria: il Giugliano sogna i playoff

Tutti uniti, verso un unico obiettivo. È questo il Giugliano. Lo ha dimostrato in diverse occasioni, anche prima della partita contro il Crotone nell’abbraccio di gruppo, con in mezzo Gladestony, rientrato dopo l’infortunio, a caricare i suoi compagni. E’ tutta lì la vittoria dei gialloblù, che rimangono coesi nonostante lo svantaggio di due reti. Al termine del campionato mancano ancora nove giornate e tutto può accadere. Intanto la squadra di Bertotto si gode l’ottavo posto e continua a sognare la prima e storica qualificazione ai playoff di Serie C.