La formazione culturale al Chelsea e la chiamata della Juve: chi è Iling jr, l’esterno convocato da Allegri

In stagione ha segnato 11 gol e ha messo a segno 9 assist: ora l'allenatore lo ha premiato con la prima trasferta in Serie A

21 Maggio 2022

Redazione - Autore

E terra e polvere che tira vento e poi magari piove”, questa volta non parliamo di Nino, ma di un altro giovane ragazzo che lungo la fascia polvere ne ha alzata parecchia: Iling Junior, ala sinistra ed esterno della Juventus. Classe 2003, tanta corsa e velocità ed anche un discreto dribbling. È stato uno dei grandi protagonisti della cavalcata della Primavera bianconera fino alla semifinale di Youth League persa ai rigori contro il Benfica. Bonatti lo ha fatto crescere, migliorandolo soprattutto nella fase difensiva. Zauli lo ha lanciato tra i professionisti ad inizio campionato contro il Mantova, per poi lasciarlo crescere insieme agli altri talenti nelle giovanili. Ed ora la promozione di Allegri, che lo ha convocato (qui tutta la lista) per l’ultima partita di campionato contro la Fiorentina.

La scuola Chelsea: formazione culturale e sportiva

Iling ha iniziato a giocare da piccolo, il calcio lo ha sempre accompagnato nel suo percorso di crescita, come ha raccontato ai canali della Juventus: “Ho iniziato a giocare all’incirca quando avevo quattro anni, alla scuola materna. A otto anni abbiamo iniziato a fare campionati nella mia zona. Poco dopo sono andato al Chelsea e ho firmato il mio contratto“.

Iling Juve

Con i Blues ha trascorso la sua adolescenza, un vero e proprio accompagnamento anche al di fuori del campo: “Dall’età di 14 anni trascorrevo lì tutto il mio tempo. Giocavo e andavo a scuola lì. Tutto quello che circondava me e i miei compagni era perfetto. Il club si prendeva cura di noi e voleva che crescessimo anche come persone non solo come giocatori“. Una vera e propria Accademia con al centro lo sport ed in questo caso il calcio.

La chiamata della Juventus e la partita da ex

Le società interessate all’esterno bianconero erano molte, ma lui ha scelto la Juventus: Ero con mio padre quando è arrivata la chiamata. Ho pensato a tutti i grandi giocatori che hanno vestito questa maglia e ho accettato”. Dall’Inghilterra all’Italia, il suo primo viaggio lontano dalla famiglia. Ironia della sorte, durante la stagione ha dovuto affrontare il Chelsea da ex e ha vinto per 3-1 sia l’andata sia il ritorno in Youth League.

Soltanto uno dei tanti traguardi raggiunti durante l’anno. La Primavera ha poi proseguito il suo percorso Europeo fermandosi ad un rigore (quello sbagliato di Soulé) dal sogno della finale. Iling si è impossessato della fascia sinistra, segnando in totale 11 gol, oltre 9 assist, considerando tutte le competizioni. La prossima corsa sarà quella più importante, quella della costanza. Il traguardo non è lontano, ora spetta al talento inglese non fermarsi.

A cura di Antonio Salomone